Legislazione del Telelavoro


Le forme di lavoro in Telelavoro, consentono di svolgere l’orario lavorativo in modo dislocato rispetto all’azienda, avvalendosi di una connessione internet e dispositivi mobili, quali PC e/o Tablet.

Il telelavoratore puà svolgere attività di tipo subordinato, o parasubordinato,
La modalità organizzativa del telelavoro si avvale delle ICT (tecnologie delle comunicazioni) per dar luogo ad un contratto o rapporto di lavoro, in cui l’attività lavorativa classica svolta presso la sede aziendale, può venire regolarmente svolta da un’altra postazione, ad esempio la casa del telelavoratore.

Quando si parla di telelavoro, bisogna distinguere anche l’ambito di riferimento: il contratto di telelavoro nel settore pubblico è disciplinato dal D.P.R. n. 70 del 1999, mentre nel settore privato è regolato in base ai seguenti principi indicati nell’Accordo interconfederale del  9 luglio 2004 tra le parti sociali, che riprende l’accordo-quadro europeo sulla normativa del telelavoro.

TELELAVORO NEL SETTORE PUBBLICO

Scarica il:

DPR n°70 dell’ 8-3-99

 

Scarica il file contenente i contratti di Telelavoro del C.C.N.L. per il settore Pubblico:

Contratti CCNL telelavoro settore Pubblico

 

TELELAVORO NEL SETTORE PRIVATO

Scarica:

Accordo interconfederale del 9 giugno 2004

 

Scarica il file contenente i contratti di Telelavoro del C.C.N.L. per ogni settore Privato:

Contratti telelavoro CCNL settore privato